Fritto Misto Politica Interna e Affari Esteri

Perché ricorderò Napoleone Bonaparte

Written by Nicola De Vita

Il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha annunciato di voler celebrare il bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte il prossimo 5 maggio.

La decisione è stata immediatamente accolta da alcune critiche da una cospicua parte del suo governo, la quale ha rimproverato a Napoleone Bonaparte una presunta misoginia e una presunta vicinanza alle posizioni schiaviste che caratterizzavano l’ancien regime.

All’improvviso, la società civile si è quindi rivoltata contro le nefandezze commesse dal primo imperatore dei francesi. Tra le voci più autorevoli insorte contro la figura protagonista di questo articolo, vi è il New York Times che in un editoriale apparso recentemente ha descritto Napoleone Bonaparte come un irrimediabile razzista, sessista e guerrafondaio. Naturalmente, non occorre precisare i commenti negativi circa la decisione dell’attuale Capo di Stato in Francia.

Si profila quindi all’orizzonte una probabile riedizione delle polemiche che hanno coinvolto diversi personaggi storici. Lo schema è sempre il medesimo, ma vale la pena sottolinearne le contraddizioni anche in questa sede: si applicano (anzi, si appiccicano) canoni etici e criteri di valutazione contemporanei a ciò che è stato, e non è più, per metterne in discussione l’eredità.

Ancora una volta, però, la follia del politicamente corretto si scontra con ogni sinonimo di intelligenza e nella sua forma iconoclasta, esemplifica, infatti, il narcisismo e la fragilità di una generazione che pretende di utilizzare paradigmi preconfezionati in maniera superficiale e aprioristica.

E’ naturale che, la storia e i poco raccomandabili personaggi che frequente la popolano, non debbano essere accettati (o esaltati) acriticamente. “Nella storia degli umani conflitti”, i chiaroscuri esistono e devono essere ricordati poiché sono parte della natura dell’uomo.

Quando ricordiamo (o celebriamo) un personaggio, facciamo riferimento prima di tutto ad un ideale che trascende la singola figura (con i suoi pregi e i suoi difetti).

Se per un attimo ci fermassimo a pensare a quale sarà l’eredità dei nostri tempi, riusciamo a individuare delle figure, delle idee o degli ideali in odore di immortalità storica?

Salvo pochi casi, credo di no e per una ragione semplice: la realtà che ci circonda non vive di visioni, ma di necessità e vizi.

Nulla di ciò che ci impegniamo a fare ha infatti una natura duratura, poiché ogni cosa ha bensì una natura “liquida”.

Nel crogiolo dell’impermanenza non vi è in definitiva spazio per il confronto e la riflessione, per cui ogni tentativo di giocare a fare i buoni assume un significato ipocrita e stupido poiché fondato, non a caso, esclusivamente sull’apparenza e sul desiderio di apparire (almeno un quarto d’ora).

In conclusione, non è necessario divergere ulteriormente (e in modo esplicito) annunciando che come pensatore divergente ricorderò Napoleone Bonaparte; tuttavia, a scanso di equivoci, annuncio ufficialmente che il 5 maggio ricorderò Napoleone Bonaparte senza ombra di dubbio alcuno e con esso, il significato della parola “coraggio”.

In fede, “let’s love, let’s diverge”.

About the author

Nicola De Vita

Classe 1994.
Autore de "L'alba di sangue".
La passione per l’innovazione e il mondo delle imprese mi spinge ogni giorno a lavorare per diversificare il mio profilo, ampliando, quindi, quanto possibile il panorama delle mie conoscenze e competenze.
Cercatore insaziabile di novità, avido lettore, appassionato di storia, arte, cinema e musica.
Credo fortemente nella capacità del singolo di migliorarsi attraverso il lavoro e l'impegno.

Leave a Comment