Fritto Misto

Hyperloop accellera e diventa realtà

Written by Nicola De Vita

Elon Musk, fondatore di Tesla, PayPal e SpaceX, ha ricevuto il consenso, per ora ancora non ufficialmente, da parte della Casa Bianca per la costruzione di quello che sarà il treno più veloce al mondo: Hyperloop.

Hyperloop è un treno che dovrebbe precorrere la distanza fra Washington e New York in soli 29 minuti, viaggiando ad una velocità media intorno ai 732 km/h. È stato lo stesso Musk a comunicare la novità via Twitter, specificando che saranno costruiti più di una dozzina di ascensori per ogni fermata, (confermando così l’ipotesi secondo cui il treno viaggerà nel sottosuolo).

Hyperloop è un progetto innovativo per la mobilità. Non si tratta tuttavia di un semplice treno sotterraneo, viaggerà infatti in un tubo in cui si creerà il vuoto, (per ridurre al minimo l’attrito), senza poggiare su binari, sfruttando semplicemente il principio della levitazione magnetica, (già utilizzato peraltro dai giapponesi per il Maglev).

Il sistema Hyperloop è già stato testato nel sito sperimentale del deserto del Nevada con buoni risultati.

Finora la costruzione degli impianti necessari è stata gestita da società esterne, quali “Hyperloop One” e “Hyperloop Transportation Technologies”, ma il tweet di Musk lascia intuire che ci sarà un coinvolgimento da parte sua in prima persona, attraverso “The Boring Company” (la compagnia che egli stesso ha lanciato qualche mese fa con l’obiettivo di scavare gallerie per costruire autostrade sotterranee al fine di spostare il traffico cittadino e risolvere il problema degli ingorghi urbani).

I vertici di “Hyperloop One” hanno mostrato interesse anche all’Europa, con la concreta possibilità che un progetto simile possa giungere perfino in Italia, nello specifico in Sardegna. Il progetto prevede di collegare l’isola alla Corsica, coprendo la tratta che va da Cagliari a Bastia, passando per l’area orientale della Corsica, le Bocche di Bonifacio, Sassari e Oristano. Sono stati elaborati, inoltre, altri tracciati per collegare 44 città attraverso una rete di oltre 5 mila chilometri, con costi per la realizzazione stimati intorno agli 11 milioni/km.

Hyperloop sembra oramai aver superato la fase embrionale, ad un passo dall’approvazione ufficiale e superato il primo test, ora il prossimo step è raggiungere i 400 Km/h, in modo tale da arrivare entro il 2020 a inaugurare il primo impianto funzionante aperto al pubblico, all’Expo di Dubai.

 

About the author

Nicola De Vita

Classe 1994, lettore vorace dall'età di sei anni e autore del romanzo "L'alba di sangue".
Di me dicono che sono una "cattiva persona", un'anticonformista, un liberale e "un intrepido narratore di sogni".
P.S. Credo nella potenza della razionalità e in tante altre straordinarie rarità.

Leave a Comment